Vicenza e le Ville del Palladio nel Veneto

“Il gentil’huomo grande utilità e consolatione caverà dalle case di villa, dove il tempo si passa in vedere e ornare le sue possessioni, e con industria e arte dell’agricoltura accrescer le facultà, dove anco per l’esercitio, che nella villa si suol fare a piedi e a cavallo, il corpo agevolmente conserverà la sua sanità e robustezza, e dove finalmente l’animo stanco delle agitazioni della città prenderà molto ristauro e consolatione, e quietamente potrà attendere a gli studj delle lettere e alla contemplatione”. (Andrea Palladio, I quattro libri dell’architettura)

 

L’indiscutibile valore della lezione palladiana nella storia dell’architettura mondiale è universalmente riconosciuto e ne è prova la diffusione del “Palladianesimo” nei diversi paesi dell’Europa occidentale e nelle Americhe. La concentrazione dei lavori di Andrea Palladio nella città di Vicenza rivela l’impronta che un singolo artista è stato capace di imprimere sulle fabbriche storiche della città e dei suoi dintorni. Oltre al valore intrinseco di ogni singolo edificio palladiano va considerato il valore dato dall’intero corpus delle sue opere, che costituisce un notevole nucleo fra gli edifici urbani, alla città. La stretta relazione fra gli edifici palladiani ed il loro intorno urbano conferisce alla città un carattere unitario che la rende un ‘intero’ e non semplicemente una somma di parti singole. L’opera di Palladio ha costituito nei secoli successivi un punto di riferimento per l’architettura pubblica e privata ed ha profondamente influenzato le fabbriche urbane. Il messaggio di Palladio è stato portato da Vicenza in tutto il mondo diventando un paradigma assoluto.

Le ville palladiane del Veneto – L’opera di Palladio nel territorio di Venezia e in particolare i complessi architettonici soggetto di questa richiesta di estensione mostrano la notevole impronta che tale artista è stato in grado di lasciare sull’intero territorio. Le opere di Palladio hanno così profondamente marcato questa zona che il loro stile è diventato un vero e proprio marchio artistico e culturale che non può essere ignorato. Oltre all’intrinseco valore di ogni villa singola, l’insieme delle ville costituisce un elemento molto importante all’interno della regione, poiché la relazione formale tra le ville e il paesaggio veneto rivela una qualità unica che gli conferisce un valore universale.

 Iscrizione alla Lista del Patrimonio Mondiale Unesco:

Phuket (Thailandia), 12-17 dicembre 1994

Merida, Yucatan (Messico), 2-7 dicembre 1996

 

Criteri iscrizione:

(i): Vicenza rappresenta un’opera artistica unica fra le varie realizzazioni di Andrea Palladio, integrata nel contesto storico e partecipe del suo carattere urbano. I complessi architettonici di Palladio nel territorio di Venezia mostrano la singolare impronta che l’artista è stato in grado di lasciare sul territorio vista la relazione formale tra le ville ed il paesaggio veneto, che rivela una qualità unica che gli conferisce un valore universale.
(ii)
: Attraverso la sua architettura la città e le architetture del Palladio sul territorio del Veneto hanno esercitato un’eccezionale influenza sull’architettura, l’urbanistica e il cultural landmark nella maggior parte dei paesi europei ed in tutto il mondo.

vicenza-4     Galleria Fotografica