Piazza dei Miracoli

Fu questo il luogo scelto come sede della Chiesa pisana fin dalle sue origini, anteriori alla pace costantiniana del 313, ma i più antichi edifici sacri furono nel corso del tempo smantellati e i monumenti che ammiriamo oggi risalgono ai secoli centrali del Medioevo, quando al massimo dello splendore, grazie alle vittoriose imprese sul mare, Pisa affermava la propria supremazia in campo regionale e internazionale.

 

La Cattedrale

Venne fondata nel 1064. Nella facciata furono apposte epigrafi che celebravano le principali imprese marinare, mentre sulle fiancate vennero inseriti materiali di reimpiego provenienti da monumenti di età romana per sottolineare la grandezza di Pisa come ‘altra Roma’.

Il Battistero

Il Battistero di San Giovanni venne fondato nel 1152. Alla costruzione dell’edificio, destinato ad ospitare il fonte presso il quale i Pisani entravano a far parte del popolo cristiano, partecipò coralmente l’intera città.

Il Campanile

Al di là della celeberrima pendenza vera e propria sfida arditissima alle leggi della statica, il campanile del Duomo è un edificio singolarissimo ed unico nel suo genere, sia per l’alto valore storico artistico delle sue forme, sia per la sua peculiare ubicazione defilata rispetto alla Cattedrale, tra la zona absidale e la parte sud-orientale del transetto.

Il Camposanto Monumentale

Lo straordinario chiostro quadrangolare che, con la sua facciata marmorea, conclude a nord la Piazza de Miracoli, venne fondato nel 1277 per accogliere i sarcofagi di epoca romana, fino a quel momento disseminati attorno alla Cattedrale. Dal Cinquecento il Camposanto accoglie i sepolcri dei più prestigiosi docenti dell’Ateneo Pisano e dei membri della famiglia dei Medici, che allora dominavano la città.

(Testi tratti dal sito web Opera della Primaziale Pisana)